PineroloToday

Indesit, Chiama: "Positiva la reindustrializzazione del sito di None"

L’Assessore al Lavoro della Provincia di Torino: "Traguardo ottenuto grazie all'impegno del Comune, della Provincia e della Regione ed al senso di responsabilità delle organizzazioni sindacali"

"Nell'assenza di una politica industriale per il settore del bianco, così strategico per il nostro Paese, per cui non è stato possibile garantire la continuità produttiva dell'Indesit di None, l'accordo siglato oggi è positivo perchè garantisce la parziale reindustrializzazione del sito produttivo di None e la ricollocazione dei dipendenti. Tutto ciò avviene grazie all'impegno del Comune di None, della Provincia di Torino e della Regione Piemonte e al senso di responsabilità delle organizzazioni sindacali”. Lo dice l’assessore al Lavoro della Provincia di Torino Carlo Chiama, in merito al raggiungimento dell'accordo siglato presso il Ministero dello Sviluppo economico tra Indesit, Enti Locali ed Organizzazioni Sindacali sul futuro del sito di None “La Provincia parteciperà al comitato tecnico presieduto dalla Regione, per monitorare il raggiungimento degli impegni presi dall'azienda in sede di accordi" conclude l’assessore Chiama.

Potrebbe interessarti

  • Pesche alla piemontese: un dolce estivo, leggero, veloce e facile da preparare

  • Il Farò di San Giovanni, speriamo che la pira caschi dalla parte giusta!

  • Il gelato secondo i torinesi: dibattito aperto alla ricerca della gelateria preferita

  • Le migliori vinerie: dove comprare il vino sfuso a Torino

I più letti della settimana

  • Morto in casa da giorni, i suoi cani sbranano il corpo

  • Il destino è stato più veloce di Luigi, che era appena diventato papà di una bambina

  • Tragedia nel cortile: bimba piccola investita dall'auto della mamma, morta

  • Cade con la moto e sbatte la testa contro il marciapiedi, ragazzo morto

  • Meteo: addio ai temporali, arriva il super caldo

  • Brutto incidente con due auto fuori strada, cinque feriti tra cui due minorenni

Torna su
TorinoToday è in caricamento