PineroloToday

Omicidio di Torre Pellice, da un tentato suicidio ad una coltellata al cuore

E' una complessa vicenda passionale tra romeni quella che ha fatto da sfondo all'omicidio scoperto ieri mattina in Via Gilly, ma commesso nella notte tra il 6 ed il 7 settembre

Emergono nuovi dettagli sulla complessa storia che ha fatto da sfondo all’omicidio del 31enne romeno Mihaita Dajbog, episodio che nella giornata di ieri ha sconvolto l’intera Torre Pellice. Dettagli sviscerati anche da R.A.C., 21enne connazionale della vittima, che, dopo aver involontariamente confessato il delitto nel corso di un litigio nella centralissima Piazza Muston, ha ammesso le proprie colpe anche davanti al sostituto procuratore Ciro Santoriello presso il Comando dei Carabinieri di Pinerolo.

E’ stato dunque lui ad uccidere il connazionale nella notte tra il 6 ed il 7 settembre, per quanto il corpo sia stato rinvenuto dalle forze dell’ordine solamente ieri mattina. Il cadavere di Mihaita Dajbog, infatti, si trovava ancora sul letto dell’abitazione di Via Gilly, dove R.A.C. aveva commesso il delitto con una coltellata al cuore ed una bottigliata sulla nuca del 31enne romeno.

L’omicida era giunto in Italia soltanto una decina di giorni fa con l’intento di convincere a tornare in patria la sua ex fidanzata, una studentessa di 18 anni coinvolta ieri nella lite di Piazza Muston che ha permesso ai Carabinieri di scoprire il delitto. Di fronte al rifiuto di lei, però, R.A.C. avrebbe tentato nei giorni scorsi il suicidio, impiccandosi davanti all’ingresso di un bar di Torre Pellice. Tentativo sventato grazie all’intervento dei soccorsi, che avevano poi trasportato il giovane in Ospedale a Pinerolo.

Proprio nelle stanze dell’Agnelli, durante il ricovero, il 21enne romeno avrebbe conosciuto la sua futura vittima, che l’ha accolto in casa propria una volta dimessi entrambi. Gli apprezzamenti di quest’ultimo, operaio a Montoso, verso la giovane connazionale avrebbero però scatenato la follia omicida di R.A.C. nella notte tra il 6 ed il 7 settembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento